Home Velocità Cronoscalate CIVM: la 59^ Alghero – Scala Piccada attende i protagonisti del “tricolore”

CIVM: la 59^ Alghero – Scala Piccada attende i protagonisti del “tricolore”

65
0

E’ possibile iscriversi fino a lunedì 7 settembre alla 59^ Alghero – Scala Piccada. La competizione organizzata dall’Automobile Club Sassari che dall’11 al 13 settembre sarà il 4° appuntamento del Campionato Italiano Velocità Montagna ed avrà doppia validità per le serie cadette, Trofeo Italiano Velocità Montagna Nord e Sud.

Tutto è pronto nella città sarda per accogliere i migliori protagonisti delle salite per un evento a cui si prepara l’intera isola con diverse iniziative collaterali che daranno occasione di conoscere storia e tradizioni dell’Isola dei Quattro Mori, dove vigono le medesime prescrizioni in vigore nel resto d’Italia. Sono operative delle convenzioni per i trasporti navali riservate a coloro che raggiungono l’isola in occasione dell’appuntamento del tricolore Montagna, le convenzioni sono disponibili sul sito www.scalapiccada.it e nella sessione dedicata alla gara sarda sul sito www.acisport.it.

Nella settimana che precede l’evento sportivo algherese, che solo tre settimane più tardi ospiterà anche la prova italiana del Campionato del Mondo Rally, sarà presentato ufficialmente nella settimana precedente l’accensione dei motori ed a rivelarne i particolari con l’AC Sassari ci saranno tutti i maggiori partner, delle Amministrazioni locali e di quella Regionale come l’Assessorato allo Sport.

In Sardegna vigono le medesime norme sanitarie in vigore nel resto del paese – afferma Giulio Pes Di San Vittorio, Presidente AC Sassari – nulla osta agli arrivi ed alle partenze dalla nostra regione. Naturalmente è fondamentale, come lo è ovunque, il senso di auto responsabilità nel rispetto delle regole. La Alghero – Scala Piccada conta su massicci dispositivi di sicurezza sanitari e sportivi, che fanno riferimento su solide e preparate figure professionali, garanzia di un sereno svolgimento dell’evento in tutte le sue prospettive, prima certamente quella agonistica di alto profilo”.