Home Storiche Annullato il 37° Meeting Internazionale Fiat 500 Storiche di Garlenda

Annullato il 37° Meeting Internazionale Fiat 500 Storiche di Garlenda

45
0

Nel corso di una riunione, con rammarico è stata presa la decisione di annullare l’edizione 2020 del Meeting Internazionale Fiat 500 storiche di Garlenda (SV), l’evento più atteso dell’anno per i Cinquecentisti di tutta Europa e non solo. La motivazione è ovviamente quella di tutelare i partecipanti e i volontari in un periodo delicato per l’emergenza sanitaria.

«Si è preferito annullare l’evento, che era programmato dal 3 al 5 luglio a Garlenda, piuttosto che rimandarlo a data da destinarsi o proporre una versione ridotta e snaturata – spiega il direttore del Meeting Alessandro Scarpa – l’evento garlendese è frequentato da migliaia di partecipanti, Cinquecentisti e turisti, ed è tradizionalmente l’evento più emozionante dell’anno. Nulla del lavoro organizzativo fatto sino ad ora andrà perso ma servirà per l’edizione 2021, un appuntamento che creeremo con ancor più slancio e motivazione».
Stelio Yannoulis, presidente del Fiat 500 Club Italia, osserva: «Siamo fermi, ma non immobili, come si confà alla nostra beniamina, che non è solo un’auto, ma molto di più, un simbolo del miglior “Made in Italy”. In questo periodo ci siamo visti costretti ad annullare i nostri incontri in 500, i raduni e le scampagnate in compagnia, ma non abbiamo mai spento il motore della passione. Soci, fiduciari ed appassionati si sono incontrati in modo virtuale sui social, hanno contribuito a mantenere l’umore alto tramite programmi in diretta, giochi e approfondimenti tecnici sul sito del Club. In prima linea la solidarietà, dimostrata da molti Coordinamenti che sono riusciti a coinvolgere i Cinquecentisti per raccolte fondi e donazioni destinati ad Ospedali ed Enti in difficoltà».

Anche se con un calendario eventi che ha subito moltissimi tagli, la promessa del Club è quella di continuare a lavorare con lo stesso impegno per i 21 mila soci e per tutti gli appassionati. Anche la Commissione Tecnica ha continuato e continuerà a svolgere il suo lavoro, seppur con diverse modalità, per garantire il buon esito delle pratiche ASI.