Home Rally La Suzuki Rally Cup approda alla Targa Florio

La Suzuki Rally Cup approda alla Targa Florio

152
0
Bianchi - Zambelli (Suzuki Swift) ad Alba - ph: Valerio Bianchi - Media Clip Genova

In Sicilia, domani e sabato, il terzo appuntamento del combattuto trofeo

Dopo appena due settimane di pausa dalle corse torna questo weekend la Suzuki Rally Cup, il trofeo dedicato alle Suzuki rallystiche che accompagna il Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco in giro per lo stivale. La competizione riservata ai modelli Swift e Baleno, di categoria R1, sbarca infatti in Sicilia, pronta a dare spettacolo sul tracciato della 107° Targa Florio, la gara più antica del mondo che si corre sui leggendari asfalti del Circuito delle Madonie. Per oltre 95km di prove speciali saranno 9 gli equipaggi gialloblu che si scontreranno puntando alla vittoria, con le sfide lasciate in sospeso dopo Alba pronte ad infiammarsi fin dalle prime curve.

Atteso allo start siciliano l’indiscusso dominatore del trofeo Matteo Giordano, che in coppia con Manuela Siragusa ha per adesso firmato tutte le prove e tutte le power stage del trofeo, lasciando il nulla dietro di sé. Non mancheranno certamente di riaccendere il duello iniziato ad Alba i giovani equipaggi delle vetture “dal sol levante”, che corrispondono a oltre metà degli iscritti all’appuntamento del “Targa”, nuova prova della bontà e della qualità del trofeo.

Samuele Santero, navigato da Filippo Iguera Massimo, e Alessandro Forneris, in abitacolo con Luigi Cavagnetto, sono infatti i primi pretendenti tra gli under25, i primi aspiranti a detronizzare Giordano. I due nell’ultimo atto di Alba avevano messo in scena un ispirato duello fino all’ultima PS, con la vittoria finale di Santero chiusa con soli 2.1’’ di margine. Torna nell’abitacolo della sua Suzuki Swift Sport Hybrid anche Roberto Pellè, secondo al Rally Il Ciocco con le note di Luca Franceschini, anche lui atteso pretendente ed inseguitore di Giordano dopo aver saltato lo scorso appuntamento. Altri tre poi gli under presenti alla manche sicula del trofeo nipponico: Sebastian Dallapiccola navigato da Fabio Andria, che ha fatto bella mostra di sé sui chilometri albesi con un 4° posto, Filippo Gelsomino in coppia con Herve Navillod anche lui a bordo di una Swift Sport Hybrid, e l’unica “femme fatale” in gara, la savonese Alice Poggio, che si presenta al via con una Suzuki Baleno condivisa con Andrè Perrin.

Sarà invece un duello quello per la classifica Racing Start, riservata agli equipaggi su Suzuki Swift BoosterJet, che vedrà scontrarsi due prime punte della specialità: l’attuale secondo classificato Lorenzo Livieri navigato da Lucrezia Viotti, ed il suo inseguitore a soli 2 punti, il genovese Stefano Bianchi in coppia con l’amico Francesco Zambelli. I due avranno una ghiotta occasione non solo per dare spettacolo, ma anche per sorpassare i grandi assenti di questo appuntamento, gli attuali leader in classifica fratelli Milivinti.

La 107^ edizione della Targa Florio si snoderà, per un totale di 514,57 chilometri complessivi, lungo un percorso tracciato su parte del Medio Circuito delle Madonie, con 9 prove speciali divise su due giorni. La partenza, maestosa, torna a Palermo, e si terrà ai piedi del Palazzo dei Normanni venerdì 5 alle 16.00, primo atto ufficiale in vista della PS1 Nino Vaccarella” (2,22 km), prevista dalle ore 18.10 in diretta su Rai Sport e su ACISportTV. Nella mattinata invece si svolgerà lo shakedown sul tratto “Cangemi” di 3 km a partire dalle ore 8.00. Il cuore della “Cursa” sarà però sabato, con due passaggi su 3 prove speciali, le “Targa”, “Lascari-Gratteri” e “Cefalù”, per un totale di 36km cronometrati. A chiudere la due giorni sicana un passaggio sulla PS8 “Vincenzo Florio”, di 8,8 km, prima della finale tornata sulla “Lascari-Gratteri”. Arrivo in pompa magna a Termini Imerese, sullo sfondo del panorama dal “Belvedere Principe di Piemonte”.