Home Rally Rally Vigneti Monferrini in chiave ligure

Rally Vigneti Monferrini in chiave ligure

146
0
Dami - Baixin (ph: FerrarioVideo)

Piace ai liguri il 5° Rally Vigneti Monferrini. Tra i 108 equipaggi che sabato e domenica a Canelli animeranno la gara piemontese ci sono, infatti, parecchi portacolori regionali. “Numero uno” sulla portiera per il “naviga” savonese Fulvio Florean, campione regionale in carica, che dopo lo squillante successo ottenuto al Motors Rally Show Pavia, disputato al “Castelletto Circuit”, in coppia con il giovanissimo Marco Butti, si riproporrà per la vittoria assoluta insieme ad Alessandro Re.

La scuderia New Racing for Genova sarà rappresentata dall’equipaggio “top” formato da Andrea Gonella e Fabio Grimaldi, al via con la Skoda Fabia R5 mentre la Lanterna Corse Rally Team farà debuttare il navigatore vincitore del Corso 2022 Andrea Cresta, che per l’occasione leggerà le note a Filippo Zerollo, al volante di una Renault Clio Williams Gruppo RC4N.

Dopo l’uscita di strada alla Ronde della Val Merula, Canelli sarà già un’occasione di riscatto per gli imperiesi Gianni Anassarette –  Giulia Bico, in gara con la Peugeot 208 Rally 4 iscritta dalla scuderia La Superba mentre cercheranno di farsi valere anche i savonesi Pietro Cirio – Walter Terribile, al via con la Peugeot 206 A7 e con i colori della Meteco Corse. Sempre con una Peugeot, ma la 106 A5 della Efferre, saranno della partita anche i savonesi Alessio Sucato – Paolo Pontari mentre, con una 106 N2 si cimenteranno i portacolori della Xrt Scuderia Walter e Mattia Didero.

Tre equipaggi liguri, infine, in lizza con le Fiat Seicento Sporting pronte ad animare l’iniziativa benefica denominata “Trofeo Seicento per un Sorriso”, un progetto che ricorderà anche il compianto savonese Bruno Banaudi. Le tre berlinette saranno portate in gara, rispettivamente, da Manuel Villa  – Ciro Lamura (GR), Edoardo Nolasco – Andrea Ferrari (Xrt Scuderia) e Sergio Dami – Giuliano Baixin (Sport Management). In questa appendice, sarà in gara anche la “naviga” savonese Marta Achino, alle note di Alessandro Penna.