Home Rally Il 22° Prealpi Master Show premia Romagna – Caldart

Il 22° Prealpi Master Show premia Romagna – Caldart

197
0
Romagna - Caldart (ph RaceEmotion)

Anche Alessandro Bettega e Giacomo Scattolon sul podio finale del secondo atto del Challenge Raceday Rally Terra 2021 – 2022

Due prove vinte, una battaglia senza fine con Alessandro Bettega e Paolo Cargnelutti e la soddisfazione di vincere di nuovo a Sernaglia. È andata a Simone Romagna e Cristina Caldart (Skoda Fabia Rally2 evo) l’edizione numero 22 del Prealpi Master Show, una gara che i due hanno vinto anche un po’ a sorpresa: il pilota vicentino aveva vinto qui solo nel 1999, quando il format di gara prevedeva un rally corso tutto nel crossodromo di Moriago, ed era dal 2013 che non vinceva fra le moderne. E ancora più felice era Cristina Caldart, trevigiana di Conegliano, al suo primo “vero” trionfo dopo la vittoria al San Marino Regional 2016.

Dietro di loro hanno concluso a soli sei secondi, Bettega e Cargnelutti (Fabia Rally2 Evo), bravi a rimanere nel treno della testa della corsa ma impossibilitati a tentare l’assalto alla leadership: nella prima prova un piccolo dritto ha mangiato loro una manciata di secondi, alla fine decisivi per delineare la classifica finale.

A chiudere il podio tutto Raceday ci hanno pensato Giacomo Scattolon e Giovanni Bernacchini, al secondo podio in carriera al Master sulla loro Fabia Rally2 evo. I due sono stati protagonisti di una rimonta forsennata, coronata dalla strepitosa vittoria nell’ultima prova speciale. Sono stati proprio quei secondi a permettergli di agguantare il podio, possibile solo dopo aver scavalcato Marco Signor, quarto, e Paolo Andreucci, quinto. Il primo ha comunque raggiunto l’obiettivo pre-gara che era quello di agguantare la top 5, il secondo ha faticato a trovare il grip su una prova prima durissima per il ghiaccio della mattina e poi coperta da uno strato di fango. In questo modo, peraltro, l’intero podio è composto da piloti iscritti al Challenge Raceday Rally Terra, di cui il Prealpi Master Show era la seconda gara della stagione 2021-22.

Sesto assoluto un altro pilota Raceday, Nicolò Marchioro, navigato da Marchetti (Skoda Fabia R5) che si è detto non soddisfatto delle scelte fatte. Questa è una gara che ha già vinto e quindi la sesta piazza non è quella che si aspettava.

Tra gli iscritti c’era anche il nove volte campione del mondo di motocross Tony Cairoli, navigato da Anna Tomasi, purtroppo sfortunato e fermatosi nel secondo passaggio dopo essere uscito due volte e aver danneggiato la sua Hyundai i20. Sfortuna anche per Mauro Trentin e Alice De Marco (Hyundai i20) che poco dopo la partenza della prima prova hanno avuto un principio di incendio nel motore, che hanno prontamente spento, ma purtroppo si sono dovuti ritirare.

Alberto Pirelli ideatore di Raceday ha così commentato la gara: “Sono felicissimo del risultato di questa edizione, con Romagna e Cristina Caldart sul podio abbiamo piazzato due persone che hanno fatto con noi la storia di Raceday, sempre presenti e sempre super positivi! Una grandissima gioia anche vedere Alessandro secondo, se lo merita davvero. Un immenso “bravi” ai ragazzi del Motoring Club, hanno saputo rinnovare la gara, mantenendone le caratteristiche e il fascino. Un saluto a Gabriele Favero che ha seminato bene ed ora può esser fiero di quanto i suoi ragazzi raccolgono“.

Ci sono state svariate battaglie anche nei Raggruppamenti Raceday per raccogliere punti preziosi in questa gara atipica, ma sicuramente tecnica e difficile da interpretare. Nel Raggruppamento B la battaglia è stata come detto tra Romagna, Bettega e Scattolon. Nel Raggruppamento C ha dominato Emanuele Silvestri su Citroën Ds3 tallonato da Ortombina – Lonardi (Subaru Impreza).

Il giovanissimo Geronimo Nerobutto, navigato dalla sorella Francesca, ha dominato senza sforzo il Raggruppamento D su Peugeot 208 R2C, tenendo dietro Gasperoni – De Luca su Citroën Ds3 R3T. Mendeni – Silli (Subaru Impreza N3) nel Raggruppamento E hanno tenuto a bada Rosini – Cardinali (Renault Clio N3). In questa gara sono stati accorpati i Raggruppamenti F, H e I ed è stato il giovane trentino Daprà, navigato da Guglielmetti su Ford Fiesta R2B a mantenere la testa.

La classifica assoluta Raceday dopo due gare è molto tirata, con tanti piloti a pari punti, per cui saranno essenziali a determinare i vincitori le prossime due gare, il secondo Rally Terra Valle del Tevere, gara entrata a far parte del Challenge solo lo scorso anno e quindi non molto nota ai più, e il nuovissimo Rally di Foligno, manifestazione completamente nuova per tutti. Come sempre importante l’appoggio al Challenge di Pirelli, OMP e Dosso5.