Home Rally Il Rally di Alba 2021 sempre “tricolore” e ancora “plus”

Il Rally di Alba 2021 sempre “tricolore” e ancora “plus”

57
0

In programma il 12 e 13 giugno, la gara organizzata dal Cinzano Rally Team sarà valida quale terza prova del Campionato Italiano WRC

Con l’inizio del nuovo anno, Cinzano Rally Team annuncia che il disegno del Rally di Alba, il progetto a tutto tondo dell’evento, che vedrà coinvolte nuovamente le vetture World Rally Car “plus” nella consueta corsa a loro riservata, è pronto nei dettagli. Dopo le difficoltà palesate dall’attività di motorsport nel 2020 a causa dell’emergenza epidemiologica, nonostante le quali il Rally di Alba lo scorso agosto divenne una delle gare che firmarono a tratto marcato la ripartenza dopo il lockdown avviato a marzo, con l’edizione numero quindici – traguardo significativo – si guarda di nuovo all’orizzonte.

Si cerca una ripartenza ancora più energica per andare a riscoprire una rinnovata solarità e libertà con lo sprone dello sport: anche se siamo a sei mesi dall’accendere i motori e certamente molti angoli dovranno essere levigati, l’idea è quella di tornare a proporre una competizione riproponga la qualità e l’enfasi delle precedenti edizioni, culminate con quella 2020 che ha visto al via il meglio del rallysmo italiano e mondiale.

Torna, dunque, il grande automobilismo, sul territorio delle Langhe, luogo dove sport, cultura, storia ed amore per il territorio si intrecciano in un mix di sensazioni che catturano pure chi di motori conosce poco. E’ una storia sportiva tra le più appassionanti, quella che il Rally di Alba ha saputo scrivere in questi anni o, se vogliamo già dalla sua nascita, proprio perché al territorio e per il territorio è sempre stata pensata.

Il classico, irrinunciabile, rendez-vous proposto da Cinzano Rally Team insieme all’Automobile Club Cuneo ed anche con l’importante sostegno delle amministrazioni del territorio, si appresta dunque a rinnovare la sfida presentandola sulla scena internazionale in una veste che andrà a ricalcare l’edizione 2020, con quartier generale ad Alba, partenza da Cherasco ed arrivo di nuovo ad Alba. Alcune novità sono invece annunciate sul tracciato, che conserverà in ampia parte i caratteri dell’anno passato, con alcune modifiche attuate per renderlo sempre più sicuro e certamente più esaltante.

Le regole del CIWRC 2021 – Saranno sette, gli impegni del Campionato Italiano WRC 2021, nel quale ogni concorrente potrà scegliere di partecipare soltanto a 6 gare e fra questi varranno per la classifica finale i migliori 5 risultati (quindi 1 scarto). Le gare avranno assegnati dei coefficienti di punteggio, che per il Rally di Alba è stato fissato a 1,25. Vi sarà l’obbligo dell’iscrizione alla serie, il sistema di punteggio rimarrà quello classico degli scorsi anni (15/12/10/8/6/5/4/3/2/1 punti) ed i conduttori non iscritti al CIWRC che arriveranno nella top ten, non prenderanno punti per il campionato ma li toglieranno invece a coloro che sono iscritti.

Il campione CIWRC assoluto del 2021 riceverà un premio di 15.000 Euro. Rimangono tutte le Coppe ACI Sport viste sino al 2020 alle quali viene aggiunta quella delle neonate vetture “Rally3”: WRC, Super 2000 (2.0 Atmosferico, 1.6 Turbo), R4, R4 Kit, R5, A8/Prod E8, K11, RGT, Super 1600, A7/Prod E7, Gruppo N/Prod S, Gruppo N/Prod S 2 ruote motrici, A6/Prod E6 /K10, R3 (R3C, R3T, R3D), R3 4X4, R2 (R2B, R2C), R1 (R1A, R1B, R1, R1A Naz., R1B Naz. – R1 Ibr. Naz.), N5 Nazionale, Under 25, Over 55, Scuderie – Preparatore/Noleggiatore.

Le gare valevoli e le modalità di partecipazione e compilazione delle classifiche finali saranno quelle del Campionato Italiano WRC, in questo caso senza obbligo dell’iscrizione e per la classifica finale si dovranno considerare i migliori 5 risultati su 6 gare. Il format delle gare sarà in una tappa, minimo 6 prove speciali ed un totale di chilometri di distanza competitiva compresa fra 80 e 100 chilometri. Sarà consentito l’utilizzo un massimo di 12 pneumatici a gara.