Home Velocità Cronoscalate Semaforo verde per la 59^ “Alghero – Scala Piccada”

Semaforo verde per la 59^ “Alghero – Scala Piccada”

100
0

E’ entrato nella fase clou il 4° round del Campionato Italiano Velocità Montagna alla 59^ “Alghero – Scala Piccada”. La gara sarda organizzata dall’Automobile Club Sassari ha vissuto la giornata di vigilia in un’atmosfera di emozione crescente in una città ed un territorio coinvolto dall’evento che segna concretamente la ripartenza dello sport automobilistico della Regione. Regione Sardegna con Assessorato allo Sport, Comune di Alghero, FondazioneAlghero, Camera di Commercio di Sassari e tante realtà pubbliche e provate hanno messo in campo le forze unite per supportare questa importante vetrina. Tutti verificati ed ammessi al via i 68 concorrenti iscritti alla più longeva gara sarda in salita, tutte confermate le sfide tricolori annunciate e tutte quelle per i punti di Trofeo Italiano Velocità Montagna nord e sud, per i quali diversi piloti della regione cercheranno la miglior prestazione sul tracciato che è stato modificato e portato a Km con l’eliminazione del lungo rettifilo iniziale.

Il duello di vertice si focalizza sempre più tra il leader tricolore Christian Merli sulla ufficiale Osella FA 30 EVO Zytek LRM, monoposto di gruppo E2SS dotata di gomme Avon, contro il pluri campione fiorentino Simone Faggioli sulla ufficiale Norma M20 FC Zytek, biposto di gruppo E2SC con pneumatici Pirelli che vuole riscattarsi anche della sfortuna che nel 2019 lo privò di un possibilissimo successo ad Alghero. Altri nomi pronti ad assaltare i vertici della classifica con le Osella FA 30 Zytek, come il catanese Domenico Cubeda ed il trentino Diego Degasperi. Tra le biposto di classe regina anche la sempre più incisiva Nova Proto 01-2 con motore Zytek dell’esperto ragusano Franco Caruso, l’immancabile padrone di casa della Porto Cervo Racing Marco Satta su Osella FA 30, oltre all’esperto napoletano della Scuderia Vesuvio Piero Nappi con l’Osella PA 30 Zytek. Sempre nella classe regina da 3000 cc l’Alfa Romeo PRC di Sergio Perasso. Ma gli assalti alle parti alte della classifica saranno assicurati dal 21enne siracusano Luigi Fazzino, sulla nuova Osella PA 2000 con motore turbo, poi il leader delle Sportscar Motori Moto Achille Lombardi, il driver lucano sempre a segno in classe 1000 con la scattante Osella PA 21 Jrb motorizzata BMW, a caccia di punti per il TIVM ci sarà Carlo Palla con la Radical SR4.

Tra le biposto di gruppo CN, con motori derivati dalla serie, riflettori puntati sul portacolori della scuderia Sport Favale 07, il genovese Andrea Drago, al suo terzo impegno stagionale, che, dopo le convincenti partecipazioni all’Alpe del Nevegal ed al Trofeo Luigi Fagioli, potrebbe prendere il largo in classe 1600 con la fidata Herberth R3 (ph by AciSport).