Home Velocità Pista Challenge Valpolcevera: Giancarlo Maroni jr cala il “tris”

Challenge Valpolcevera: Giancarlo Maroni jr cala il “tris”

112
0
Giancarlo Maroni jr (ph: Matteo Raggi - Video Brum Brum)

Come da pronostico, Giancarlo Maroni jr si è aggiudicato il 2° “Challenge Valpolcevera” – 10° Challenge del Lupo – prova del Campionato Italiano di Formula Challenge disputata sul circuito di Castelletto di Branduzzo, in provincia di Pavia – portando a tre i suoi successi consecutivi in tale manifestazione. Il pilota lecchese del team ABS Sport, al volante della sua Osella PA 21/J, si è imposto in tutte e tre le manche su cui era articolata la gara, non concedendo praticamente nulla agli avversari. Alle sue spalle si sono piazzate due vetture Gloria, quella di Federico Liber, il più veloce nelle qualificazioni e vincitore del gruppo E2SS, e quella di Mirko Venturato.

Quarta posizione assoluta, ad una manciata di secondi dal podio, per il piemontese Erik Campagna (Formula Arcobaleno), il migliore tra gli Under 23, che ha preceduto Giuseppe Torrente (Radical SV3 Evo) e il portacolori della New Racing for Genova Giacomo Gozzi, in gara con la Radical SR4. Paolo Venturi (Elia Avrio ST09) ha concluso in settima posizione precedendo Marco Ulivi (Radical Prosport) e la variopinta ed ammirata Autobianchi A112 di Luca Veldorale, primo in Gruppo E2 SH. Decima piazza finale e prima di Gruppo A per Renzo Lorenzoni (Volkswagen Polo R5).

Successi di Gruppo, oltre che per i già citati Maroni (E2SC), Liber, Veldorale e Lorenzoni, anche per Riccardo Canzian (Kart Cross – Vst Monoposto), Christian Bussandri (Peugeot 208 Ecometano – E1 Italia), Pietro Giordano (Fiat 500 – Bicilindriche), Antonino Fattorusso (Peugeot 106 – N), Giuseppe Boschiazzo (Peugeot 106 – Speciale), Gianluca Grossi (Renault Clio Cup – RS Plus), Alex Leardini (Honda Civic Type R – RS) mentre Cristina Tadone (Kart Cross) si è imposta nella speciale graduatoria femminile.

Hanno partecipato alla gara, ottimamente organizzata dalla Scuderia Valpolcevera, 87 piloti, 80 dei quali hanno conosciuto la gioia del traguardo finale.