Home Rally Claudio Arzà (BB Competition) sfortunato al Rally del Matese

Claudio Arzà (BB Competition) sfortunato al Rally del Matese

229
0
Claudio Arzà al Rally del Matese (ph Amicorally)

Il portacolori del sodalizio spezzino costretto al ritiro quando era al comando

È legato a motivi precauzionali il ritiro della Skoda Fabia Rally2 Evo di Claudio Arzà al Rally del Matese, appuntamento valido per la Coppa Rally di Zona 7 svoltosi nel fine settimana in provincia di Caserta. Il pilota portacolori di BB Competition, tornato all’agonismo dopo nove mesi di inattività ed affiancato da Massimo Moriconi sui sedili dell’esemplare messo a disposizione dal team Autosole 2.0, aveva archiviato le prime tre prove speciali ponendosi in evidenza con distacchi marcati, valsi il comando della classifica provvisoria, maturato in un contesto di grandi contenuti, garantito dalla presenza di piloti di spessore. L’accensione di una spia di sicurezza nel corso della terza prova speciale ha consigliato lo spegnimento della vettura nel tratto successivo, vanificando la leadership acquisita. Una decisione presa in concerto con il team Autosole 2.0, compartecipe del programma sportivo 2022 del driver spezzino.

Dispiace per l’epilogo – il commento di Claudio Arzà – ma rimangono le ottime sensazioni destate dal ritorno all’agonismo dopo nove mesi di inattività, su strade mai affrontate prima d’ora. Per tutto questo tengo a ringraziare il team che mi aveva messo a disposizione una vettura altamente performante, il mio copilota Massimo Moriconi, Michelin per la fornitura di pneumatici che si sono confermati competitivi e tutti i partner che stanno supportando la mia stagione. Dispiace soprattutto non aver garantito loro una vittoria che era alla nostra portata ma credo che con queste basi potremmo toglierci molte soddisfazioni già dal prossimo impegno. Tengo a ringraziare i miei avversari, i quali hanno voluto condividere con me il podio finale: un esempio di sportività che ci ha fatto tornare il sorriso, mettendo da parte la delusione del ritiro”.