Home Rally Scatta dall’Elba la Michelin Rally Cup

Scatta dall’Elba la Michelin Rally Cup

119
0
Ferrarotti - Bizzocchi (ph: Nicolas Rettagliati)

Le tradizioni vanno rispettate. E come (quasi) sempre il challenge tricolore indirizzato verso i piloti privati che amano le prove speciali asfaltate, scatta dall’isola d’Elba. E da anni la Michelin Rally Cup, serie organizzata sotto l’egida di AciSport, si accende all’interno di questo campionato che per l’edizione 2022 ha assunto la denominazione di Campionato Italiano Rally Asfalto.

Che le ambizioni dei piloti partecipanti alla Coppa indetta dalla Casa di Clermont Ferrand siano importanti e manifeste lo si evince dai numeri di gara che appariranno sulle fiancate delle vetture al via da Portoferraio. Con il numero 1, infatti, scatterà Andrea Carella, talentuoso pilota piacentino, affiancato da Luca Guglielmetti sulla Škoda Fabia Rally2 evo di Munaretto, che la Michelin Rally Cup l’ha già vinta nel 2019 e vuole assolutamente ripetersi anche in questa stagione. Immediatamente dopo di lui sarà della partita il molisano Giuseppe Testa, con Emanuele Inglesi al quaderno delle note della sua Škoda Fabia Rally2 evo per i colori di Ro Racing, che lo scorso anno chiuse secondo nella Michelin Rally Cup, a pochissimi punti dal successo. Carella e Testa hanno già incrociato la loro sfida al recente Colli Trevigiani, dove ha avuto la meglio Testa. Ma sulle montagne elbane si riparte tutti da zero in una sfida al calor bianco.

Terrzo equipaggio calzato Michelin al via sarà formato da Ivan Ferrarotti e Massimo Bizzocchi, con la Škoda Fabia Rally2 evo di Balbosca (#8), galvanizzati dal recente successo al Sanremo Leggenda e ansiosi di migliorare il terzo posto conquistato nella Michelin Rally Cup 2021. A seguire un affezionato protagonista della coppa transalpina, Stefano Liburdi, quinto lo scorso anno nella Michelin Rally Cup, che ha cambiato tutto nella sua vita corsaiola passando alla Hyundai i20 R5 (#14) e chiamando al suo fianco Mattia Cipriani, con il quale ha rodato l’affiatamento al Rally del Bardolino. Tutta da seguire la gara del locale Andrea Volpi, affiancato da Michele Maffioni, che pur non disponendo di una Fabia evoluta (#19) è capace di inserirsi nell’attico della classifica assoluta, come ha dimostrato al recente Maremma da lui vinto. Chiude la lista dei partecipanti Federico Pitzoi, affiancato da Michele Chionsini, che disporrà di una Škoda Fabia R5 (#28) per i colori di Proracing.

La gara elbana sarà anche valida come secondo appuntamento della Michelin Zone Rally Cup di VI Zona e vedrà fra gli iscritti Ivan Ferrarotti, Andrea Volpi e Ivan Pitzoi. A seguire scatteranno Stefano Montauti – Carlo Adriani, all’esordio stagionale con la loro Peugeot Rally4 (#38), che dovranno vedersela con l’equipaggio tutto femminile formato da Chiara Galli-Chiara Lombardi Peugeot Rally4 (#42) protagoniste di un’ottima gara al Ciocco dove hanno concluso quarte di Classe Rally4 raggranellando punti utili per la Michelin Zone Rally Cup. Quindi Mariano Mariani-Annarita Onniboni, che hanno rodato la loro Renault Clio Williams A7 (#45) al Maremma conquistando un buon secondo posto di categoria. Numero 48 sulle fiancate della loro Renault Clio RS per Massimo Tintori – Sabrina Cintolesi che devono riscattare la delusione del Ciocco, gara in cui si sono fermati anzi tempo. Esordio stagionale per l’equipaggio siciliano formato da Giovanni Marco Lanzalaco e Antonio Marchica, che avrà in numero 54 sulla loro Renault Clio Rally5.

L’appuntamento per gli equipaggi iscritti al 55° Rally Elba è oggi sul Lungomare delle Ghiaie a Portoferraio: i concorrenti hanno già sostenuto lo Shake Down su due chilometri sulla classica prova speciale del Monumento. I cronometri scatteranno alle ore 17.00 odierne per condurre i concorrenti alle prime quattro prove speciali della prima giornata che terminerà alle ore 23.10 con il riordinamento notturno a Portoferraio. Sabato 23 aprile seconda e decisiva tappa con altre quattro prove speciali e arrivo a Portoferraio alle 15.30 dopo che i concorrenti avranno percorso 294,14, 102,74 dei quali suddivisi in otto prove speciali.